Il Rally dell’Oro Incontra una Resistenza a Quota 1220$
Inviato January 09, 2015 12:41 (GMT)
Da Analista FX Empire - Barry Norman 

Dopo il rally di giovedì, l’oro continua a salire anche venerdì mattina attestandosi a 1211,40. I trader cominciano a prendere posizione in vista della pubblicazione dei dati sull’occupazione USA attesi in giornata, che si prevede daranno una spinta al dollaro. Il biglietto verde ha perso leggermente terreno attestandosi a 92,45, rimanendo però in prossimità del massimo degli ultimi cinque anni. L’argento ha guadagnato qualche punto rimanendo sotto il livello di resistenza 16,50, a 16,388, mentre il platino ha guadagnato $ 3,20 attestandosi a 1222,85.
In settimana l’oro si è preso una pausa dopo tre giorni consecutivi su terreno positivo, mantenendosi comunque in prossimità dei massimi degli ultimi tre settimane raggiunto in corrispondenza del crollo dei mercati azionari di tutto il mondo e della conseguente ricerca di beni rifugio da parte degli investitori in fuga. Il livello di resistenza di breve termine per il prezzo di chiusura sul mercato dell’oro è previsto a quota 1220, e una chiusura sopra a questo livello potrebbe favorire ulteriori rialzi, con il livello 1250 come obiettivo successivo.

Il Rally dell’Oro Incontra una Resistenza a Quota 1220$

Il Rally dell’Oro Incontra una Resistenza a Quota 1220$

L’oro ha guadagnano terreno a dispetto del rafforzamento del dollaro, che generalmente grava sul mercato del metallo perché lo rende più costoso di confronti degli investitori che detengono altre valute, e nonostante il calo dei prezzi di petrolio che riduce l’interesse nei confronti dell’oro come bene rifugio contro l’inflazione – provocata da eventuali aumenti del prezzo del petrolio. Sul rally dell’oro continuano a rimanere dubbi, tanto che martedì le riserve di oro presso la SPDR Gold Trust, il fondo ETF garantito in oro più grande del mondo, sono scese dello 0,42% attestandosi 707,32 t, registrando il nuovo minimo degli ultimi sei anni. Gli investitori terranno sotto stretta osservazione i dati economici chiave sull’economia europea e statunitense attesi in giornata.

Giovedì l’oro ha perso terreno prolungando le perdite della sessione precedente. La forza del dollaro e dei mercati azionari, oltre ai dati economici positivi sull’economia statunitense, hanno ridotto l’interesse nei confronti del metallo come bene rifugio, provocando ulteriori deflussi di riserve presso il fondo ETF garantito in oro. Il metallo prezioso questa settimana è salito al massimo delle ultime tre settimane, toccando quota 1222,40, con le borse di tutto il mondo che scendevano per i timori legati alla situazione politica in Grecia e per l’eventuale fuoriuscita del paese dall’eurozona.

I metalli di base rimangono sotto pressione a causa del rafforzamento del dollaro USA, al massimo degli ultimi nove anni, e per l’accento sul crollo della crescita in Cina e la deflazione dell’eurozona. Il rame perde 8 punti attestandosi a 2,761, vicino a un minimo pluriennale. La bassa inflazione persistente già dall’inizio dello scorso anno ha incoraggiato l’astensione da parte di consumatori e imprese dagli acquisti o dagli investimenti nella speranza che i prezzi continuino a scendere. I metalli di base oggi continueranno a muoversi in direzione laterale, poiché il sentiment positivo del mercato legato all’attesa di ulteriori misure di stimolo da parte della BCE – congiuntamente a un’economia statunitense in forte ripresa – agiscono come fattori positivi. D’altro canto, la forza del DX dopo la pubblicazione dei verbali della riunione del FOMC conterranno un forte rialzo dei prezzi. Ieri i prezzi del rame si sono mossi al rialzo dello 0,2% in corrispondenza di un sentiment in via di ripresa in virtù delle aspettative di misure di stimolo addizionali ulteriori da parte della Banca Centrale Europea. Inoltre, hanno contribuito a sostenere i rialzi anche le indicazioni secondo il quale l’economia USA si conferma robusta nonostante il rallentamento dell’economia globale.

Copper15-minutes20150109052924-645x386

Posted by bordingr at 09 Jan, 2015 1:42 PM Categoria: Notizie oro
Tags: