Oro stabile negli scambi prefestivi; attesa raffica di dati USA
Materie prime & Futures23.12.2015 09:10
Oro stabile in range stretto in attesa dei dati USA Oro stabile in range stretto in attesa dei dati USA

Investing.com - Il prezzo dell’oro oscilla in questo mercoledì prefestivo, con gli investitori che attendono il rilascio di dati USA alla ricerca di indicazioni sulla della ripresa economica.

Sulla divisione Comex del New York Mercantile Exchange, l’oro con consegna a febbraio scende di 30 centesimi, o dello 0,03%, a 1.073,80 dollari l’oncia troy negli scambi della mattinata europea. Ieri, l’oro è sceso di 6,50 dollari, o dello 0,6%, dopo due giorni di impennate consecutive.

Gli Stati Uniti rilasceranno una serie di dati questo mercoledì, tra cui dati sugli ordinativi di beni durevolispese procapitevendite di case nuove fiducia dei consumatori e scorte di greggio.

I dati di ieri hanno mostrato una crescita economica del 2,0% nel trimestre terminato il 30 settembre, rispetto alla stima preliminare del 2,1% del mese scorso e contro le previsioni di una crescita dell’1,9% .

I dati rilasciati dall’Associazione degli Immobiliaristi statunitensi sulle vendite di case esistenti per il mese di novembre, hanno mostrato un crollo del 10,5% al minimo di 19 mesi di 4,76 milioni, contro i 5,32 milioni del mese precedente.

Quest’oggi i volumi degli scambi saranno limitati per via delle vacanze di Natale che hanno spinto molti operatori a chiudere prima della fine dell’anno, facendo scendere la liquidità sul mercato e facendo salire la volatilità. I mercati statunitensi chiuderanno prima giovedì, la viglilia di Natale e saranno chiusi venerdì, il giorno di Natale.

L’Indice del Dollaro USA, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, è in salita dello 0,1% a 98,31, contro il massimo di due settimane di 99,33 toccato la settimana scorsa.

Il metallo giallo si appresta a chiudere il 2015 con un crollo annuo del 10%, il terzo calo annuale consecutivo, con le speculazioni sulla tempistica di un aumento dei tassi da parte della Fed che hanno dominato l’attenzione dei mercati per la maggior parte dell’anno. Un aumento dei tassi di interesse di solito pesa sull’oro, poiché il metallo prezioso non riesce a competere con i tassi di interesse alti offerti da altri asset.

Intanto, i futures dell’argento con consegna a marzo scendono di 4,9 centesimi, o dello 0,34%, a 14,26 dollari l’oncia troy. L’argento si avvia a chiudere il 2015 con una chiusura annua in calo dell’8%.

Il prezzo del rame resta vicino al massimo di cinque settimane della seduta precedente supportato dall’indebolimento del dollaro e dalle speculazioni che i produttori cinesi riducano la produzione per contenere il crollo del prezzo.

Il rame si prepara a chiudere il 2015 con un crollo annuo del 26% in un clima di apprensione per un indebolimento economico globale scatenato dalla Cina. Con il 45% della richiesta globale di rame, la nazione asiatica è considerata il principale consumatore mondiale del metallo rosso.


Posted by bordingr at 24 Dec, 2015 10:22 AM Categoria: Notizie oro
Tags: