Oro sostenuto da dollaro e azioni in calo
Gennaio 20, 2016 19:01 (GMT)
By Analista FX Empire - James Hyerczyk 

gold-monday-bns-300x199Mercoledì su Comex i future sull'oro con scadenza a febbraio tentano un rally; gli investitori reagiscono al calo del dollaro e al netto ribasso dei mercati azionari, alla ricerca di una riserva di valore. Nonostante il forte rally, l'oro rimane al di sotto del massimo stabilito a inizio mese e pari a $ 1113,10. Secondo alcuni investitori una delle ragioni che ha fermato l'avanzata del prezzo dell'oro sarebbe la mancanza di acquisti sui mercati asiatici.

L'oro, a causa della domanda dall'estero, tende a muoversi in rialzo quando il dollaro USA cede terreno. Essendo denominato in dollari, il calo del dollaro lo rende più appetibile ai trader stranieri. Oltre a quanto detto, l'imponente ondata di vendite sui mercati azionari tende ad avere un effetto positivo sull'oro perché gli investitori lo utilizzano come meccanismo di difesa dei propri investimenti.

I future sul petrolio greggio con scadenza a marzo si muovono in ribasso, scivolando per un breve lasso di tempo al di sotto dei $ 27, e avvicinandosi alla soglia psicologica dei $ 25. L'eccesso di offerta globale, insieme ai fondamentali ribassisti, hanno contribuito a spingere i prezzi in ribasso.

A causa dell'influenza ribassista che il calo del prezzo del greggio ha avuto su altre materie prime e sui titoli azionari, alcuni trader vorrebbero vedere un forte rimbalzo tecnico in prossimità o sui $ 25.00. Difficilmente osserveremo dei rally di lungo termine, almeno fino a quando non osserveremo un rallentamento della produzione di scisto, che è esattamente ciò che si pone come obiettivo la strategia saudita.

Inoltre, il capo economista del Fondo Monetario Internazionale ha avvertito che i mercati finanziari globali sembrano aver avuto una reazione eccessiva al calo dei prezzi del petrolio e al rischio di un brusco rallentamento dell'economia cinese.

Il tutto dopo il commento di martedì dall'Agenzia internazionale dell'energia, secondo la quale nel 2016 il mondo potrebbe "annegare in un eccesso di offerta" di petrolio, con le esportazioni dall'Iran Che si vanno ad aggiungere all'offerta.

L'amministratore delegato russo Lukoil Vagit Alekperov ha detto: "Oggi, l'industria petrolifera è vicina a una linea di sopravvivenza ... Purtroppo stiamo tagliando le trivellazioni." Il produttore di petrolio privato ha anche detto di aspettarsi nel 2016 un calo della produzione del paese, per la prima volta in molti anni.

Un rapporto dai produttori di sabbie bituminose del Canada sostiene di essere in perdita su ogni barile, mentre ai prezzi correnti i produttori statunitensi di scisto "stanno solo bruciando contanti".

Mercoledì la coppia EUR / USD oscilla su entrambe le direzioni prima di stabilirsi in ribasso. Il primo rally è stato alimentato dal carry trade che tende a manifestarsi in corrispondenza di una netta rottura dei mercati azionari. La rottura potrebbe essere stata alimentata dagli aggiustamenti di posizione o dalle puntate short in vista della riunione della Banca Centrale Europea di giovedì. I trader potrebbero aspettarsi che la BCE sottolinei la necessità di ulteriori misure di stimolo.

Mercoledì GBP / USD si muove in controtendenza e tenta un rally, probabilmente spinta dalle coperture short dopo un forte calo a minimi pluriennali. L'attuale ondata di vendite è stata alimentata dal calo dei prezzi del petrolio greggio che ha abbassato le aspettative di inflazione, rendendo più probabile un rialzo dei tassi da parte della Banca d'Inghilterra nei primi mesi del 2017. Ieri, il governatore della BoE Mark Carney ha detto di non avere un'agenda per aumentare i tassi e ha avvertito che un rallentamento dell'economia cinese potrebbe portare a un deterioramento ulteriore.

Il Media Earnings Index in GB si attesta al 2,0%, leggermente al di sotto della stima del 2,1%. Il dato sulla variazione delle richieste di sussidi è a -4.300, una notizia rialzista dato che la stima prevedeva un aumento di 4.100 unità. Il tasso di disoccupazione è sceso al 5,1%, sotto alla stima e alla lettura precedente al 5,2%.

Nelle notizie degli Stati Uniti, i permessi di costruzione sono state leggermente superiori rispetto alla stima, con 1,23 contro 1,20 milioni. L'inflazione al consumo è sotto le aspettative a -0,1%. L'IPC Core é a 0.1%, contro lo 0,2% previsto. Il dato sull'avvio delle nuove case é al di sotto delle aspettative a 1,15 milioni, contro gli 1,19 milioni previsti dai trader.
Posted by bordingr at 21 Jan, 2016 11:50 AM Categoria: Notizie oro
Tags: