Oro e valute sotto pressione per la maggiore domanda di attività più rischiose
Febbraio 15, 2016 20:19 (GMT)
By Analista FX Empire - James Hyerczyk 
gold-stack-forexwords-150x150Lunedì la maggiore domanda di attività ad alto rischio ha contribuito a rafforzare il dollaro USA e i mercati azionari globali, mettendo pressione sull'oro e sui mercati valutari più importanti.

Il movimento in positivo dei mercati azionari e della moneta americana è arrivato nonostante i dati dalla Cina, che mostrano una diminuzione delle esportazioni del 11,2 per cento nel mese di gennaio, rispetto all'anno precedente, mentre le importazioni sono crollate del 18,8 per cento, alimentando le preoccupazioni per il rallentamento della crescita cinese.

Lunedì, con i mercati a pronti degli Stati Uniti, chiusi per un giorno festivo e gli scambi di futures in chiusura anticipata, tutti gli occhi erano puntati sui mercati europei e asiatici. Inoltre, gli investitori hanno seguito con molta attenzione gli indici cinesi tra cui l’indice composito di Shenzen e quello di Shanghai,  in quanto la settimana scorsa erano chiusi a causa del capodanno cinese. Entrambi i principali indici cinesi hanno chiuso solamente in leggero in ribasso sulla scia dei forti guadagni in Asia e in Europa.

Sempre lunedì, una maggiore propensione per il rischio, unito all’avvertimento del primo ministro del Giappone, riguardo i mercati valutari eccessivamente volatili e al più grande guadagno dello Yuan cinese in un unico giorno da più di un decennio, hanno contribuito a calmare i nervi degli investitori, portando in ribasso la coppia EUR / USD.

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha detto al parlamento che "la volatilità delle valute eccessiva è indesiderabile" e ha detto che un’azione adeguata sarà presa, nel mercato dei cambi, se necessario.

Detto questo, lunedì gli investitori hanno seguito il discorso del presidente della Banca centrale Mario Draghi, parlando davanti al Parlamento Europeo. Nel suo discorso, Draghi ha detto che la banca centrale è pronta ad allentare la sua politica a marzo, se la volatilità del mercato e l'effetto dei prezzi dell'energia influenzeranno le attese di bassa inflazione.

La coppia GBP / USD alleviata, in sintonia con l'Euro.

Alla fine della settimana, gli investitori della sterlina britannica avranno l'opportunità di reagire alle ultime cifre sull'inflazione nel Regno Unito , martedì, ai dati sull'occupazione, mercoledì, ed infine venerdì, alle vendite al dettaglio nel Regno Unito .

I prezzi dell'oro di aprile hanno avuto una brusca discesa degli utili, dopo la forte impennata della scorsa settimana che aveva portato i prezzi a livelli che non si vedevano dal maggio del 2015. Inoltre, il forte dollaro USA ha reso il mercato dell'oro in dollari troppo costoso per gli operatori stranieri, portando a un calo della domanda. Anche l'alleggerimento di posizioni di copertura lunghe, avviatesi nel corso delle vendite nel mercato azionario della scorsa settimana, ha condotto il prezioso al ribasso nel momento in cui ha avuto luogo il rally azionario in forte rialzo.

Lunedì i prezzi del greggio di aprile hanno registrato aumenti modesti in un momento di vacanza degli scambi. Il mercato è stato sostenuto dalle voci che l'Opec potrebbe accettare di tagliare la produzione, per ridurre un eccesso di offerta, la quale, occorre ricordare, ha spinto i prezzi al loro minimo da oltre un decennio.
Posted by bordingr at 16 Feb, 2016 8:24 AM Categoria: Notizie oro
Tags: