L’oro in rally sul dollaro debole; guadagni sottotono in vista dell’incontro della Fed
Aprile 25, 2016 17:14 (GMT)
By Analista FX Empire - James Hyerczyk 
L’oro in rally sul dollaro debole; guadagni sottotono in vista dell’incontro della Fed



Lunedì  il Comex oro di giugno era in rialzo a $ 11.10, pari a + 0.90 % a $1241.10, poiché una rottura del dollaro statunitense ha incoraggiato qualche lieve acquisto dopo la caduta dell’1.3 per cento di venerdì. Gli utili sono risultati bassi ​​in vista della riunione politica di mercoledì della Federal Reserve.

Gli speculatori hanno continuato a scommettere sul rialzo dei prezzi dell’oro. I dati della Commodity Futures Trading Commission (CFTC), hanno mostrato che i gestori di hedge funds e di valute hanno aumentato le loro posizioni rialziste sui contratti COMEX oro ad un massimo da 3 anni e mezzo.

La coppia USD / JPY è scesa dopo aver raggiunto un massimo alla fine della scorsa settimana, con gli investitori focalizzati su una riunione della Banca del Giappone, che secondo molti concederà un ulteriore allentamento della politica monetaria nel tentativo di fermare l'ascesa dello Yen giapponese. Venerdì scorso lo yen è sceso bruscamente, dopo un rapporto di Bloomberg che ha detto che la BoJ sta prendendo in considerazione di applicare tassi negativi al suo programma di prestiti per le istituzioni finanziarie.

Secondo le ultime notizie, la coppia USD/JPY é scambiata a 111.004, in ribasso di 0.777 o -0.70%. La coppia EUR / USD dal basso rendimento è aumentato in parallelo allo Yen giapponese, muovendosi a 1.1262, in rialzo dello 0.0041 o + 0.37% .

Il GBP/USD è salito a 1.4490, in rialzo dello 0.0089 o + 0.62% , raggiungendo il suo massimo livello dal 18 marzo. Il catalizzatore è stato una distensione nei timori sul "Brexit". Recenti sondaggi hanno mostrato un vantaggio per l’opzione "restare in Europa", contribuendo a dare un po’ di spinta. Inoltre, la settimana scorsa il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha detto che il Regno Unito farebbe meglio a rimanere un membro dell'Unione Europea.

I volumi di scambio in Australia e Nuova Zelanda erano bassi, per via di una chiusura festiva delle banche; tuttavia, l’incasso degli utili e le azioni di copertura corta dopo la forte vendita della settimana scorsa hanno contribuito a portare l’AUD/USD e il NZD/USD in rialzo. L’Aussie è salito a 0.7720, in rialzo di 0.0012, e il Kiwi a 0.6881, in rialzo di 0.0011. Le valute legate alle materie prime erano in rialzo, nonostante il petrolio e i mercati azionari più deboli.

Lunedì i future di giugno del petrolio greggio hanno visto un mercato agitato e confuso, poiché le prese di profitto dopo tre settimane di guadagni hanno ristabilito la fiducia in qualche fetta del mercato  che l’offerta e la domanda stiano andando verso un equilibrio.Il greggio WTI statunitense era scambiato a $43.24, in ribasso di  $0.49 o -1.12%. Il Brent greggio a inizio mese è salito di 2 centesimi a $45.13 al barile, dopo aver rimbalzato dal territorio negativo a quello positivo.

La volatilità dei prezzi delle azioni è stata probabilmente causata dalle prese di profitto e dalla liquidazione di posizioni dopo tre settimane di rialzo dei prezzi.I dati della CFTC hanno mostrato che la scorsa settimana il numero di posizioni aperte che puntano sull'aumento dei prezzi del WTI è salito a dei livelli che non si vedevano dal giugno 2015, mentre le posizioni prese in previsione di un calo dei prezzi sono scese vicino ai minimi del 2016.Nelle notizie economiche, a marzo le nuove vendite di case unifamiliari statunitensi sono inaspettatamente diminuite, ma la flessione si è concentrata nella regione occidentale, indicando che il mercato immobiliare ha continuato a rafforzarsi.

Lunedì  il Dipartimento del Commercio ha detto che le vendite di case nuove sono diminuite dell’1.5 per cento a un tasso destagionalizzato annuale di 511.000 unità. L’andamento delle vendite di febbraio è stato rivisto a 519.000 unità dalle 512.000 unità precedentemente riportate.

Posted by bordingr at 26 Apr, 2016 9:18 AM Categoria: Notizie oro
Tags: