Rally dell’oro con la Banca del Giappone che mantiene invariata la sua politica
Aprile 28, 2016 16:52 (GMT)
By Analista FX Empire - James Hyerczyk

I future del Comex Oro di giugno hanno raggiunto il loro massimo da una settimana grazie alla Banca del Giappone che mantiene una politica monetaria costante, mandando nettamente al ribasso  l’USD/JPY, e alla Federal Reserve, che ha annunciato di non aver alcuna fretta di irrigidire la sua politica monetaria.

Dopo il suo incontro durato due giorni, mercoledì la Fed ha lasciato i tassi invariati, seppur tenendo aperta la porta per un rialzo in giugno, e ha mostrato poco interesse nell’irrigidire la politica monetaria durante un apparente rallentamento dell’economia statunitense.

L’US Dollar Index è stato sottoposto ad un’ulteriore pressione dalla Banca del Giappone che ha sfidato le aspettative del mercato di un aggiuntivo stimolo monetario, facendo salire lo yen. La conseguente caduta di quasi il 3 per cento dell’USD/JPY è stato il crollo maggiore dall’agosto 2015.

I future del greggio di giugno sono rimasti relativamente stabili nel corso della sessione. Anche se il dollaro debole lo ha favorito, la presa di profitti ha messo un  limite ad ogni tentativo di rialzo. Tuttavia ci si aspetta che questa debolezza abbia breve durata,  poiché le possibili interruzioni di forniture, il forte interesse degli investitori e l’indebolirsi del dollaro statunitense potrebbero presto spingere i prezzi al rialzo.

Con una reazione ritardata, le cifre record delle scorte potrebbero aver spinto giovedì alcuni investitori a prendere profitti dalla chiusura di posizioni su un aumento dei prezzi. Mercoledì i dati del governo hanno mostrato che la scorsa settimana le scorte statunitensi di greggio sono salite di 2 milioni di barili a un massimo storico di 540.6 milioni di barili.

Eventi esterni stanno aiutando a mantenere i prezzi al rialzo. Attualmente, sussistono rischi di approvvigionamento dal Venezuela, che sta affrontando una grave crisi dell’energia elettrica. Il crollo della produzione statunitense è stato un altro fattore di supporto per il recupero del petrolio.

Secondo l’U.S. Energy Information Administration (EIA), i dati hanno mostrato che la scorsa settimana la produzione di greggio è scesa a 8.94 milioni di barili al giorno (bpd), in calo di quasi mezzo milione di bpd dall’anno scorso.

Insieme all'oro e al petrolio greggio, anche la debolezza del dollaro ha contribuito a guidare l'euro e la sterlina inglese al rialzo. Entrambi vengono sostenuti da azioni di copertura corta dopo la decisione sul tasso di interesse e sulla politica monetaria della Fed; anche il GBP/USD è tuttavia rafforzato dai sondaggi, che mostrano che sempre più inglesi sono a favore della permanenza del Regno Unito nell'Unione Europea.

Martedì gli U.S. stock sono stati scambiati misto, scrollandosi di dosso la pressione derivante da un forte calo in Asia e in Europa durante la notte, dopo che la Banca del Giappone ha mantenuto invariata la sua politica. L'indice S&P 500 ha tentato di mostrare guadagni con le tecnologie informatiche a spingerlo in avanti. Il Dow Jones Industrial Average veniva scambiato in calo di circa 20 punti, dopo aver perso in precedenza più di 100 punti subito dopo l'apertura. Infine, il Nasdaq 100 è stato scambiato al rialzo, poiché le azioni di Facebook erano brevemente risalite di oltre il 10.5 per cento per arrivare a un nuovo massimo storico nel commercio intraday.
Posted by bordingr at 29 Apr, 2016 8:50 AM Categoria: Notizie oro
Tags: