Prezzo dell’oro al massimo di 14 mesi per via del dollaro debole
Materie prime & Futures29.04.2016 08:57
© Reuters.  Il prezzo dell’oro resta supportato grazie al dollaro debole© Reuters. Il prezzo dell’oro resta supportato grazie al dollaro debole

Investing.com - Il prezzo dell’oro sale al massimo di 14 mesi negli scambi europei di questo venerdì mattina, supportato dall’indebolimento del dollaro e dal clima di incertezza creato dalla decisione della Banca del Giappone di lasciare invariata la politica monetaria.

Sulla divisione Comex del New York Mercantile Exchange, i futures dell’oro con consegna a giugno salgono dello 0,76% a 1.276,10 dollari.

Il contratto di giugno ha chiuso la seduta di ieri con un balzo dell’1,28%, a 1.266,40 dollari l’oncia.

I futures troveranno supporto a 1.238,50 dollari, il minimo di ieri e resistenza a 1.303,50 dollari.

La richiesta di investimenti rifugio è aumentata in seguito alla decisione di ieri della BoJ di non apportare modifiche alla politica monetaria, contro le aspettative dei mercati di ulteriori misure di allentamento monetario.

La BoJ ha lasciato il tasso di deposito a -0,1% e gli acquisti di stimolo a 80 mila miliardi di yen l’anno. Ha inoltre rinviato i dati previsti per raggiungere l’obiettivo di inflazione al 2%.

La decisione ha seguito di un giorno quella della Federal Reserve di mantenere i tassi di interesse invariati vicino allo zero, senza fornire molte indicazioni sui futuri aumenti dei tassi.

I traders attendono i dati statunitensi sui costi dell’occupazione, le spese pro capite ed il sentimento dei consumatori previsti nel corso della giornata, per avere maggiori indicazioni sulla forza dell’economia dopo i report misti di ieri che hanno pesato sulla domanda del biglietto verde.

Ieri, infatti, il Bureau of Economic Analaysis ha reso noto che la crescita economica USA è rallentata al tasso annuo dello 0,5% dall’1,4% registrato nel quarto trimestre del 2015. Si tratta del tasso di crescita più lento dal primo trimestre del 2014.

Sempre ieri, dai dati del Dipartimento per il Lavoro USA è emerso che il numero delle nuove richieste di sussidio di disoccupazione nella settimana conclusasi il 23 aprile è sceso di 9.000 unità a 257.000. Gli analisti avevano previsto che il numero salisse di 12.000 unità a 260.000 la scorsa settimana.

L’Indice del Dollaro USA, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, scende dello 0,34% a 93,41, il minimo dall’agosto del 2015.

Intanto, i futures dell’argento con consegna a maggio salgono dello 0,95% a 17,725 dollari l’oncia troy, mentre i futures del rame con consegna a luglio sono in salita dello 0,87% a 2,250 dollari la libbra.


Posted by bordingr at 29 Apr, 2016 11:52 AM Categoria: Notizie oro
Tags: