Prezzo dell’oro vicino ai 1.290 dollari nei timori per la Brexit
© Reuters.  Impennata dell’oro al massimo di 5 settimane, timori per la Brexit© Reuters. Impennata dell’oro al massimo di 5 settimane, timori per la Brexit
Materie prime & Futures1 ora fa

Investing.com - I futures dell’oro continuano a salire negli scambi statunitensi di questo lunedì, segnando un nuovo massimo di cinque settimane tra i crescenti timori per la possibile uscita del Regno Unito dall’Unione Europea che fanno aumentare la richiesta di investimenti rifugio.

I timori per il referendum britannico del 23 giugno sull’Unione Europea si sono scatenati dopo i sondaggi del weekend che hanno mostrato un aumento dei favorevoli alla Brexit.

Sulla divisione Comex del New York Mercantile Exchange, l’oro con consegna ad agosto balza al massimo giornaliero di 1.289,60 dollari l’oncia troy, il massimo dal 6 maggio. Il prezzo si è poi attestato a 1.288,00 dollari alle 12:42 GMT, o alle 8:42 ET, su di 12,10 dollari, o dello 0,95%.

Intanto, gli investitori attendono il vertice di politica monetaria della Federal Reserve previsto questa settimana. Mercoledì, a conclusione dei due giorni di vertice si prevede che la Fed non intervenga sui tassi di interesse.

La banca centrale rilascerà inoltre le ultime previsioni sulla crescita economica e sui tassi di interesse. La Presidente della Fed Janet Yellen terrà l’attesissima conferenza stampa 30 minuti dopo la pubblicazione della dichiarazione della Fed, conferenza che sarà seguita con particolare attenzione dai traders alla ricerca di indicazioni sull’andamento futuro dell’economia e dei tassi.

Gli investitori escludono un aumento dei tassi a giugno dopo i dati sull’occupazione USA rilasciati all’inizio del mese che hanno mostrato che l’economia ha creato solo 38.000 nuovi posti di lavoro il mese scorso, il minimo dal settembre del 2010.

Secondo lo strumento FedWatch del CME Group (NASDAQ:CME), la probabilità di un aumento dei tassi questa settimana è pari solo al 2%, rispetto al 23% stimato per luglio. Le probabilità di un aumento a settembre sono pari a circa il 37%.

Il prezzo del metallo prezioso ha segnato un rimbalzo di quasi il 6% finora a giugno, dopo essere crollato di oltre il 6% il mese scorso, poiché i traders hanno reagito alle variazioni della tempistica sull’aumento dei tassi USA.

L’oro ha registrato un’impennata del 20% quest’anno in un clima di scetticismo circa la possibilità che la Federal Reserve possa continuare ad alzare i tassi come annunciato.

Il metallo giallo risente dell’aumento dei tassi di interesse USA. Un aumento graduale dei tassi di interesse avrebbe ripercussioni minori per il prezzo dell’oro rispetto ad una serie di aumenti in un breve lasso di tempo.

Sempre sul Comex, i futures dell’argento con consegna a luglio salgono di 6,5 centesimi, o dello 0,38% a 17,39 dollari l’oncia troy negli scambi della mattinata newyorkese, mentre ifutures del rame sono in salita di 1,4 centesimi, o dello 0,66%, a 2,044 dollari la libbra.

Gli investitori stanno valutando una nuova serie di dati economici cinesi
Secondo quanto dichiarato stamane dall’agenzia delle dogane, la produzione industriale è cresciuta al tasso annuo del 6,0% a maggio, più del 5,9% previsto restando stabile rispetto all’aumento del 6,8% del mese precedente.

Gli investimenti fixed-asset, che rispecchiano l’attività industriale, sono saliti del 9,6% il mese scorso, al di sotto del previsto aumento del 10,5%.

Col 45% della richiesta globale di rame, la nazione asiatica è considerata il principale consumatore mondiale del metallo rosso.

Posted by bordingr at 13 Jun, 2016 4:12 PM Categoria: Notizie oro
Tags: