Oro vicino al minimo di 1 settimana in attesa di dati USA
© Reuters.  L’oro resta vicino al minimo di 1 settimana in attesa dei dati USA e degli interventi della Fed © Reuters. L’oro resta vicino al minimo di 1 settimana in attesa dei dati USA e degli interventi della Fed
Materie prime & Futures3 ore fa (29.09.2016 10:22)

Investing.com - Il prezzo dell’oro sale negli scambi europei di questo giovedì, ma resta vicino al minimo di 1 settimana mentre gli operatori attendono i dati economici USA alla ricerca di indicazioni sulla possibilità di un aumento dei tassi a dicembre.

Nel corso della seduta è attesa una serie di intereventi di membri di spicco della Federal Reserve, compresa la Presidente.

L’oro con consegna a dicembre sulla divisione Comex del New York Mercantile Exchange sale di 1,60 dollari o dello 0,12% a 1.325,30 dollari l’oncia troy, alle 4:20AM ET (08:20GMT). Ieri i futures sono scesi a 1.321,10 dollari l’oncia troy, il minimo dal 21 settembre.

I dati più importanti di oggi saranno quelli sulle nuove richieste di sussidio di disoccupazione, i dati rivisti sul PIL del secondo trimestre ed i dati sul deficit commerciale, tutti attesi per le 8:30AM ET (12:30GMT). I dati sulle vendite di case in corso saranno rilasciati alle 10:00AM ET (14:00GMT).

Questo giovedì sono attesi i discorsi di diversi esponenti della Fed, che con i loro commenti potrebbero fornire indicazioni su un eventuale aumento dei tassi di interesse prima della fine dell’anno.

Il Presidente della Fed di Philadelphia Patrick Harker, il Presidente della Fed di AtlantaDennis Lockhart, il Governatore della Fed Jerome Powell, il Presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari e la Presidente della Fed di Kansas City Esther George terranno dei discorsi nella giornata odierna.

La Presidente della Fed Janet Yellen interverrà in videoconferenza durante il Minority Bankers Forum a Kansas City alle 4:00PM ET (20:00GMT).

Ieri la Presidente Yellen ha affermato davanti al Congresso che la banca centrale non ha uno "schema fisso" per intervenire sulla propria politica monetaria. Tuttavia, ha aggiunto che la creazione di posti di lavoro continua a questo ritmo causerebbe un surriscaldamento economico e, in tal calo, la Fed potrebbe trovarsi costretta ad alzare i tassi prima del previsto.

Secondo lo Strumento di Controllo dei Tassi della Fed di Investing.com, esiste una possibilità del 57% di un aumento dei tassi in occasione del vertice di dicembre.

L’oro risente dell’andamento dei tassi USA. Un aumento graduale dei tassi di interesse avrebbe ripercussioni minori per il prezzo dell’oro rispetto ad una serie di aumenti in un breve lasso di tempo.

Sul mercato forex, l’indice del dollaro USA, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, è in salita dello 0,1% a 95,41 dollari al barile nella mattinata di giovedì.

Contro lo yen, il dollaro è salito dello 0,8% a 101,50 staccandosi dal minimo di un mese di 100,06 toccato la scorsa settimana.

Posted by bordingr at 29 Sep, 2016 2:22 PM Categoria: Notizie oro
Tags: