I Verbali Colomba della Fed e la Crisi in Portogallo Imprimono un’ Accelerazione all’Oro
July 10, 2014 17:53 (GMT)
Da Analista FX Empire - James Hyerczyk 

I future dell’oro con scadenza ad agosto sono negoziati oggi lievemente in rialzo favoriti da fattori tecnici e fondamentali. Da un punto di vista tecnico, dopo che il livello di supporto dei $ 1316,00 ha tenuto come supporto per diversi giorni gli acquirenti hanno rotto al di sopra della resistenza a $ 1334,00 innescando un’accelerazione in rialzo. Da un punto di vista fondamentale l’incertezza generata dal rilascio degli ultimi verbali della Federal Reserve ha favorito la rottura.

I mercati delle valute e quelli delle materie prime potrebbero entrambi beneficiare del generale indebolimento del dollaro. I trader hanno infatti desunto dagli ultimi verbali che la banca centrale statunitense è pronta a continuare a mantenere il suo tono accomodante inalterato almeno durante la riunione di luglio. In altre parole, la Fed dovrebbe rimanere fuori gioco senza regalare alcuna sorpresa ai mercati fino ad ottobre, mese in cui terminerà il suo programma di acquisto asset.

gold thursday bns

Nei verbali si leggerebbe come i membri del FOMC, seppure a piena conoscenza dei miglioramenti riportati dal settore economico ed occupazionale del paese, siano intenzionati a terminare il programma di acquisto asset della banca ad ottobre senza che ciò implichi necessariamente un innalzamento dei tassi. I trader si aspettavano posizioni più aggressive, ma il persistere di un tono accomodante ha innescato una forte rottura del dollaro ed un rally di copertura su oro, euro e sterlina.

Sebbene EUR/USD si sia mossa ieri in rialzo a seguito del rilascio dei verbali FOMC i trader non sono riusciti a mantenere i guadagni delusi dalle notizie provenienti dal Portogallo. L’euro ha quindi terminato la sua tre giorni di rally indebolito dalla notizia stando alla quale il Portogallo potrebbe essere insolvente.

L’euro è quindi rimasto vulnerabile a forti scossoni ribassisti, gli investitori sono preoccupati per l’evolversi della situazione di Banco Espirito Santo, importante istituto portoghese in difficoltà finanziarie tali da metterne a repentaglio la sopravvivenza e che fa riemergere gli spettri vissuti dalla periferia d’Europa al culmine della crisi del debito sovrano.

Intanto GBP/USD continua a guadagnare terreno ma l’approssimarsi del massimo a 1.7178 sta frenando l’ascesa della coppia. Il Portogallo pesa anche sulla valuta britannica vessata inoltre da un ampliamento del deficit commerciale e da un calo dei dati immobiliari.

Stando al Royal Institution of Chartered Surveyors nel mese di giugno l’indice dei prezzi delle case è sceso sui 53 punti rispetto un dato rivisto di 56 registrato nel mese di maggio, si tratta della lettura più bassa degli ultimi quattro mesi.

Infine l’ufficio nazionale di statistica ha mostrato come nel mese di maggio il deficit commerciale GB si sia ampliato per raggiungere i 9,20 miliardi di sterline contro una previsione che aveva scommesso su un dato di 8.75 miliardi di sterline.

I future del greggio con scadenza d’agosto sono negoziati in ribasso, la situazione in Iraq va pian piano a distendersi e gli investitori sono tornati a concentrarsi su domanda e offerta. Ieri, l’Energy Information Administration ha fatto sapere che nella settimana terminata lo scorso 4 luglio le scorte di greggio in eccesso avrebbero registrato un prelievo di 2,4 milioni di barili. Gli analisti avevano scommesso su un calo di 3 milioni di barili.

Posted by bordingr at 11 Jul, 2014 8:54 AM Categoria: Notizie oro
Tags: